Solo qui sul nostro sito ufficiale ottieni la migliore tariffa di sempre!
Sconti su tutte le date disponibili, esclusivamente su questo sito.
Fare clic sul pulsante in basso per verificare le date.

La Cattedrale di Siena

Il Duomo di Siena (Cattedrale di Santa Maria Assunta) fu consacrato nel 1179 in presenza del papa senese Alessandro III. La tradizione vuole che l’attuale cattedrale sostituisse una precedente chiesa dedicata a Maria ed eretta intorno al IX secolo.

La cupola fu terminata intorno al 1262 mentre già erano in corso i lavori di maestri come Nicola Pisano e del figlio Giovanni a cui appartengono le sculture di profeti ed altre statue ora conservati nel Museo dell’Opera.
Le statue attuali sono quindi copie che hanno sostituito gli originali tra il 1800 ed il 1900.

Il Duomo di Siena è ricco di capolavori dell’arte italiana eseguiti attraverso vari secoli. Di spicco è il pavimento della Cattedrale, formato da cinquantasei tarsie a loro volta eseguite da importanti artisti senesi ad eccezione del Colle della Sapienza, tarsia eseguita da Pinturicchio (1505). Il completamento di questo lavoro ha richiesto diversi secoli ed è terminato solo nell’Ottocento.

A livello di sculture il Duomo di Siena ospita opere di spicco eseguite, tra i vari, da Michelangelo (San Pietro e Paolo – San Pio e Sant’Agostino per l’altare Piccolomini), Nicola Pisano (Pulpito)e Gian Lorenzo Bernini (Maria Maddalena e San Girolamo).

La Cattedrale di Siena ospita inoltre la famosa Libreria Piccolomini con il ciclo di affreschi eseguiti da Pinturicchio e suoi collaboratori. Nelle vetrine lunghe le pareti sono conservati antifonari e graduali del 1400 e 1500 decorati con elaborate e preziose miniature.

Anche le vetrate della Cattedrale sono di notevole pregio; la più celebre, eseguita da Duccio di Buoninsegna, è tuttavia ammirabile nel Museo dell’Opera. Nella cappella del Sacramento si possono ammirare due vetrate della bottega di Domenico Ghirlandaio.

Il bellissimio Coro fu eseguito dal rinomato intagliatore Fra Giovanni da Verona(1456-1525) il quale inserì trentotto tarsie (in origine poste nel coro dell’abbazia di Monteoliveto Maggiore) nelle due ali del coro trecentesco.

L’ingresso nella Cattedrale è a pagamento, per maggiori informazioni e prenotazione dei biglietti cliccare qui.

Please publish modules in offcanvas position.